Modalità:  
giovedì 25 aprile 2024    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   JAZZ BLOG Riduci
parla3s.gif

sono disponibile a ricevere domande o pareri di vario genere, possibilmente sul... jazz.
Per aggiungere un parere fate clic su -Commenti-, scrivete nello spazio e per inviare fate clic su -Aggiungi commento-.
 
 
     
     
 
   Blog_Archivio Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   Indice dei Blog Riduci
 
 
     
     
 
   Blog_List Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   View_Blog Riduci

Inviato da: 1455845@aruba.it
19/05/2008 17.00

i grandi strumentisti jazz spesso non sono buoni compositori di temi ovvero di canzoni su cui improvvisare. i discografici vogliono materiale originale per incassare il più possibile, ma spesso varrebbe la pena di opporsi ed incidere brani già esistenti, ovviamente, ricostruendoli secondo la propria visione musicale. è questa la grande lezione dei grandi del passato che hanno sempre inserito qualche propria composizione nell'incisioni o nei concerti, ma non hanno mai preteso di comporre tutto il loro repertorio. suonare e cantare un brano già esistente significa segnalare ciò che amiamo e che ci lega all'ascoltatore.

Tags:

3 commenti...

Re: umiltà

verissimo. senza contare poi che mettere alcuni standard, rielaborandoli o rielaborando le rielaborazioni, significa al contempo agganciarsi a una forma che l'appassionato riconosce, filtra, interpreta.e senza contare inoltre che la maggior parte di questi "originals" sono tutto meno che tali. ;-)

www.ilfetidocortile.blogspot.com

Da diz a   20/05/2008 22.49

Re: umiltà

ma monk? ornette coleman? wayne shorter? coltrane? giusto i primi che mi sono venuti in mente, eh.

Da pbb a   21/06/2008 2.34

Re: umiltà

Io ai concerti suono regolarmente Albachiara, Piccolo Grande Amore ed Europa

Da Riccardo Pittau a   16/07/2008 9.53

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla