Modalità:  
giovedì 25 aprile 2024    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   JAZZ BLOG Riduci
parla3s.gif

sono disponibile a ricevere domande o pareri di vario genere, possibilmente sul... jazz.
Per aggiungere un parere fate clic su -Commenti-, scrivete nello spazio e per inviare fate clic su -Aggiungi commento-.
 
 
     
     
 
   Blog_Archivio Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   Indice dei Blog Riduci
 
 
     
     
 
   Blog_List Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   View_Blog Riduci

Inviato da: 1455845@aruba.it
12/11/2007 16.34

un giorno mi chiamò il proprietario di un noto jazz club, giampiero rubei, e mi disse che volevano un pianista jazz al "bar della pace", vicino piazza navona, per un happening organizzato da achille bonito oliva. Mi precipitai con tutte le mie raccolte di brani ed arrivai con notevole anticipo. Nel bar non c'era nessuno e pertanto entrai nel retro dove trovai una bella ragazza completamente nuda. Arretrai, scusandomi, imbarazzato e dissi che mi avevano detto che il locale cercava un pianista. Lei mi urlò - ormai ero rientrato nel bar - che lei era la cantante: stava giusto aspettando che arrivasse il vestito. Da dietro la porta, le chiesi che canzoni voleva cantare. Rispose: "Me, Myself and I" e "My Mother's Eyes". Le avevo sentite qualche volta da Billie Holiday e da Jimmy Rowles che amava cantare anche se, più che una voce, aveva un sospiro. Non avendo la trascrizione dei brani, pensai di provare a ricordare qualcosa al pianoforte. Poi, aggiunsi mentalmente, lei mi canta la melodia e qualcosa riuscirò a mettere su. Alzai il coperchio del verticale appoggiato al muro e vidi che la tastiera contava pochi tasti e non produceva alcun suono. Mi riavvicinai alla porta del retro e chiesi speranzoso se il pianoforte arrivasse più tardi. La ragazza rispose che credeva che il pianoforte era quello del bar. Ribattei che non suonava e lei di rimando:"...ah, questi pianisti...". Attesi l'arrivo di qualcuno, sperando che la ragazza non fosse informata. Arrivò il proprietario che mi confermò che il pianoforte era quello del locale. Nel frattempo era arrivato il "vestito": due stelline per i capezzoli ed una stella un pò più grande per il pube. Presi i miei libri e me ne andai. Rubei mi fece sapere che gli avevano telefonato chiedendogli che razza di pianista aveva mandato...

Tags:

2 commenti...

Re: happening

che performance neorealista! la parabola batte più a fondo dell'epiteto.

Da mara a   13/11/2007 9.28

Re: happening

io avrei suonato e ci avrei anche prodotto un disco

Da Riccardo Pittau a   16/07/2008 10.03

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla