Modalità:  
giovedì 25 aprile 2024    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   JAZZ BLOG Riduci
parla3s.gif

sono disponibile a ricevere domande o pareri di vario genere, possibilmente sul... jazz.
Per aggiungere un parere fate clic su -Commenti-, scrivete nello spazio e per inviare fate clic su -Aggiungi commento-.
 
 
     
     
 
   Blog_Archivio Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   Indice dei Blog Riduci
 
 
     
     
 
   Blog_List Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   View_Blog Riduci

Inviato da: 1455845@aruba.it
23/07/2006 10.00

l'improvvisazione è il bello del jazz...ma, attenzione, il jazz usa l'improvvisazione per elaborare il tema e questo significa che il tema non può essere qualsiasi scemenza viene in testa agli strumentisti (vedi sassofonisti e trombettisti...), nè può essere solo uno studio come 'giant steps'... che gli studi facciano parte del repertorio musicale è un fatto... se sono 'tutto' il repertorio... siamo di fronte a qualcuno che non ha niente da dire... e comunque è una realtà indiscutibile che antonio carlos jobim è una ricchezza dell'umanità tutta, mentre di wynton marsalis ne possiamo fare a meno e nessuno... ma proprio nessuno... ne sentirà la mancanza...

Tags:

5 commenti...

Re: o.k. ho esagerato...

proviamoa vedere se funziona...

Da silvia a   24/07/2006 22.14

Re: o.k. ho esagerato...

il jazz è l'improvvisazione... non rompere...

Da hai veramente esagerato ragazzo... a   24/07/2006 22.19

Re: o.k. ho esagerato...

We're sure you're quite right. In London it's very hot. Davide is playing at the Pigalle in Piccadilly tonight. How are the plants, and the cat? Is this profound enough for you?

Da Candy and Clairey a   28/07/2006 0.19

Re: o.k. ho esagerato...

la profundidad es la simplisidad de los detalles cotidianos......yea

Da felipe a   29/07/2006 0.09

Re: o.k. ho esagerato...

sto ascoltando Think of one, un disco del 1983 di Winton Marsalis (nel periodo ispirato dall'ultimo Davis acustico), che mi sembra un ottimo lavoro, ricco, equilibrato,ben arrangiato, ispirato e sostanzialmente di cui non farei volentieri a meno.
se poi il musicista jazz deve essere negro, sfigato, ignorante, e naturalmente istintivo

Da giuliano a   01/08/2006 10.38

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla