Modalità:  
giovedì 25 aprile 2024    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   JAZZ BLOG Riduci
parla3s.gif

sono disponibile a ricevere domande o pareri di vario genere, possibilmente sul... jazz.
Per aggiungere un parere fate clic su -Commenti-, scrivete nello spazio e per inviare fate clic su -Aggiungi commento-.
 
 
     
     
 
   Blog_Archivio Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   Indice dei Blog Riduci
 
 
     
     
 
   Blog_List Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   View_Blog Riduci

Inviato da: 1455845@aruba.it
02/05/2011 9.53

Molti compositori di temi o canzoni hanno avuto un solo brano famoso a livello internazionale. Gorge Shearing si lamentava che, di quattrocento composizioni, solo la ‘ninna nanna’ era famosa. E Bruno Martino s’adombrava facilmente se qualcuno gli parlava, per l’ennesima volta, della sua ‘Estate’. Ma ci sono milioni di compositori in tutto il mondo che darebbero qualsiasi cosa, per avere almeno un solo loro brano conosciuto da tutti…
Frank Sinatra è stato così famoso come cantante, attore e personaggio, che non poteva soffrire di questi dolori, ma solo una sua composizione è famosa. Ed è interessante la storia di questo jazz standard, perché ci dice come sia imprevedibile che una canzone diventi internazionale. Sinatra compose questa canzone nel 1951, ma fu l’incisione di Billie Holiday nel 1955 che fece di “I’m A Fool To Want You” un brano celebre. Billie Holiday morì lo stesso anno, l’album “Lady In Satin” andò a ruba ed “I’m A Fool To Want You” era il titolo di punta…..
Invece Frankie Laine, ovvero Francesco Lo Vecchio, figlio di siciliani, compose il testo di “We’ll Be Together Again” su richiesta del suo pianista Carl Fisher. Frankie Laine divenne celebre e ricco cantando i temi dei film western, ma il suo passato jazz è di primo rango. Ha composto varie decine di testi ed è ottima la sua, parole e musica, "It Only Happen Once", che vanta anche una versione di Nat King Cole, ma non è certo famosa come “We’ll Be Together Again”.
Dolores Vicki Silvers è un vero e proprio caso. C’è chi dice che era una cantante/pianista figlia di un pianista italiano; mentre qualcuno sostiene che è un pseudonimo di un italiano, amico di Sinatra. Resta il fatto che esistono due brani con questa firma e che uno di essi, “Learning The Blues” ha una dimensione internazionale.
Invece è ben conosciuto John Frigo, figlio di veneti, contrabbassista e violinista di rango che ha composto parole e musica di “Detour Ahead”. Un brano di 34 misure – l’ultimo A è di dieci misure -  seducente come pochi. Versioni eccellenti? Billie Holiday, Bill Evans,  Stan Getz, Sam Rivers. Anita O’ Day, Charlie Haden, Sarah Vaughan,  Woody Herman, Ella Fitzgerald, Diane Reeves, Mark Murphy, Eliane Elias, Joe Williams con Count Basie, Milt  Jackson, eccetera, eccetera. 

Tags:

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla