Modalità:  
giovedì 25 aprile 2024    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   JAZZ BLOG Riduci
parla3s.gif

sono disponibile a ricevere domande o pareri di vario genere, possibilmente sul... jazz.
Per aggiungere un parere fate clic su -Commenti-, scrivete nello spazio e per inviare fate clic su -Aggiungi commento-.
 
 
     
     
 
   Blog_Archivio Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   Indice dei Blog Riduci
 
 
     
     
 
   Blog_List Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   View_Blog Riduci

Inviato da: 1455845@aruba.it
09/04/2011 9.26

 Il più prolifico autore di canzoni da film, diventate spesso jazz standards, è Harry Warren, nato Salvatore Guaragna. Si parla di 846 canzoni o brani strumentali e di più di 400 film che contengono almeno una sua composizione. Salvatore era l’undicesimo figlio di una famiglia di Cassano Ionio, provincia di Cosenza,  che arrivò a Brooklyn passando per l’Argentina. Alcune fonti sostengono che la famiglia riuscì presto ad anglicizzare il nome, mentre altre fonti sostengono che Salvatore già lavorava come pianista di film muti, quando la sorella maggiore gli comunicò che il suo nuovo nome era Harry Warren. Certo è che Warren amava precisare che il suo nome di nascita era Salvatore Guaragna.
Bing Crosby sosteneva che “Guarren” era il più completo di tutti. Un compositore capace di scrivere un’aria da pub irlandese come ‘The Rose In Her Hair’ o un indiavolato ‘Bouncin’The Blues’ per Fred Astaire e Ginger Rogers; un autentico inno degli italiani all’estero come ‘That’s Amore’ o un tema per improvvisatori  bebop come ‘There Will Never Be Another You’. Questa ultima canzone servì a Charlie Parker per comporre ‘Confirmation’ e ‘ Blues For Alice’. Ma volendo dare una sequenza all’inverosimile lista di successi di Guaragna/Warren, bisogna cominciare con ‘Nagasaki’ un ‘must’ per tutte le orchestre stile New Orleans o Dixieland. Poi seguì ‘You’re My Everything’ per Russ Columbo (Ruggero Colombo) – una leggenda che merita un capitolo a sé -. ‘You’re My Everything’ è molto amata dai trombettisti, basterà citare le versioni di Miles Davis, Lee Morgan e Freddie Hubbard. Ancora ‘I Found A Million Dollar Baby’ per Bing Crosby, ‘Jeepers Creepers’ per Louis Armstrong, ‘Me And The Blues’ per Mildred Bailey, ‘Sweet And Slow’ per Fats Waller, ‘You’ll Never Know’ per Alice Faye, I Only Have Eyes For You’ per Dick Powell. Per Glenn Miller, Guaragna/Warren scrisse delle canzoni che, da sole, danno l’immagine completa dell’orchestra: ‘Serenade In Blue’, ‘I Know Why’, ‘Chattanooga Choo Choo’(un milione e 200mila copie il primo anno della sua pubblicazione) e ‘At Last’ che, ripresa da Etta James negli anni sessanta, vendette milioni di copie e così è arrivata a Cristina Aguilera e Beyoncè. Una melodia di sicura bellezza è ‘I Wish I Knew’ incisa da centinaia di artisti fra cui il trio di Bill Evans ed il quartetto di John Coltrane. Dick Haymes, che sostituì Frank Sinatra nell’orchestra di Harry James, canta ‘The More I See You’ a Betty Grable ( che era la moglie di Harry James…). Fra la versione di Haymes e quella di Michael Bublè, ci sono giusto un migliaio di altre versioni vocali e strumentali. Un’altra melodia perfetta è ‘Summer Night’ che ha ispirato il senso pittorico di Miles Davis: sembra di ‘vedere’ un cielo stellato… l’album è ‘Quiet Nights’. Un’altra grande versione è del trio di Keith Jarrett in ‘Tokio’96’.
Da notare che “Guarren” è l’autore del tema di ‘La Rosa Tatuata’, opera con cui Anna Magnani vinse l’Oscar.
Ecco una lista di altri brani di questo grande compositore e qualche loro incisione: ‘About A Quarter To Nine’, ‘Boulevard Of Broken Dreams’ Diana Krall, ‘Cheerful Little Earful’ Ella Fitzgerald, ‘Dames’, ‘Deep In Your Eyes’, ‘Forty Second Street’, ‘I Had The Craziest Dream’, ‘I’ll String Along With You’ Sarah Vaughan, ‘Lullaby Of Broadway’ Tony Bennett, ‘Lulu’s Back In Town’ Mel Tormè,’My Heart Tells Me’, ‘ No Love, No Nothin’ Earl Coleman, ‘Remember My Forgotten Man’, ‘September In The Rain’ George Shearing, ‘Shadow Waltz’, ‘This Heart Of Mine’, ‘This Is Always’ Charlie Parker con Earl Coleman, ‘You Must Have Been A Beautiful Baby’, ‘You’re Gettino To Be  An Habit’.
Harry Warren, nato Salvatore Guaragna (1893-1981) è ammirevole anche nelle canzoni che non hanno avuto fortuna. Ad esempio, ‘Too Many Tears’ e ‘Something Tells Me’ da ascoltare dalla voce della grande Maxine Sullivan.

Tags:

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla