Modalità:  
giovedì 25 aprile 2024    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   JAZZ BLOG Riduci
parla3s.gif

sono disponibile a ricevere domande o pareri di vario genere, possibilmente sul... jazz.
Per aggiungere un parere fate clic su -Commenti-, scrivete nello spazio e per inviare fate clic su -Aggiungi commento-.
 
 
     
     
 
   Blog_Archivio Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   Indice dei Blog Riduci
 
 
     
     
 
   Blog_List Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   View_Blog Riduci

Inviato da: 1455845@aruba.it
22/07/2006 11.08

per paradossale che sia non è l'improvvisazione l'aspetto più difficile dell'arte jazz, ma comporre una canzone con musica e parole... è chiaro che non alludo al festival di sanremo... john coltrane ha realizzato una eccellente incisione vocale, ma tutto quello che ha fatto è chiamare un grandissimo interprete di standards, Johnny Hartman, scegliere sei o sette bellissime canzoni ed accompagnarlo con il suo quartetto... se avesse dovuto comporre quelle sei o sette canzoni per l'occasione, non ne sarebbe stato capace... perciò i più grandi sono e restano ellington, fast waller, monk ed il pianista bill evans, ma anche horace silver e john lewis: loro sarebbero stati capaci di concepire una tale opera... quello che resta non è il pernacchio trombettistico o sassofonistico, ma le grandi canzoni... il difficile è fare "sophisticated lady", "round midnight", "only child"... tutto il resto è spazzatura giornalistica... oh, yes...

Tags:

3 commenti...

Re: quale aspetto dell'arte jazz è il più difficile?

io cm non riesco manco a improvvisare cazzo... maledetta autumn leaves io ti odio ti odio cazzooooooo

Da schiappa a   28/11/2007 21.37

Re: quale aspetto dell'arte jazz è il più difficile?

df

Da df a   26/02/2008 12.41

Re: quale aspetto dell'arte jazz è il più difficile?

df

Da df a   26/02/2008 12.42

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla